I CICLI PLANETARI NELLA STORIA MONDIALE
di Rosanna Zerilli - Horus


.... e' appena nato!!!!


      Nella recente storia delle Edizioni Librarie Federico Capone, casa editrice oggi diretta con competenza dalla figlia del fondatore, Chiara, questo volume segna una tappa importante.  E’ infatti un aggiornamento compilato dallo stesso autore per l’edizione italiana delle sue precedenti opere sull’argomento, a lui particolarmente caro, dell’astrologia mondiale.
      Una iniziativa che sarà gradita sia agli astrologi per così dire “adulti” che di certo conoscono già le opere principali del Maestro, che troveranno in questo lavoro un riepilogo delle sue teorie, che agli studiosi più giovani, ai quali è ormai difficile il reperimento di opere pubblicate da tempo  ormai scomparse dai cataloghi più recenti.
      Questo testo ricorda l’ormai celebre:”L’Astrologie et l’Histoire” degli anni 60 del Novecento, mai pubblicato in Italia e “Il pronostico sperimentale in astrologia”, pubblicato in Italia, se ricordo bene, nei lontani anni 80, che costituisce la base per un approccio moderno all’argomento, arricchito e ampliato dall’autore alla luce dei più recenti eventi mondiali, e aggiornato  al 2080.
      L’autore qui non limita la sua analisi al panorama europeo, ma abbozza una interpretazione della nascita dell’Islam nel 622 dopo cristo: riconosce che “ il rischio “di abbozzare una visione del futuro avendo come unica risorsa il rifugio astrologico “è quantomeno pericolosamente temerario” ma nondimeno si avventura con coraggio nella sua ricerca, basandosi sui cicli dei pianeti lenti, da Saturno a Plutone.
     Approfittando dello sviluppo informatico, che consente di indagare anche su eventi antichissimi o futuri per periodi per cui non esistevano effemeridi cartacee, il volume è corredato da chiarissime mappe che spaziano dal 574 avanti cristo al 2080, di cui egli ha costantemente pubblicato i risultati nella rivista “L’Astrologue” da lui diretta per decenni nella seconda metà del 1900.
      Venendo all’attualità, il grafico del 2010 evidenzia la congiunzione di Giove e Urano al passaggio tra Pesci e Ariete opposta a Saturno tra Vergine e Bilancia: sarebbe in atto una frattura nella storia mondiale. Una crisi nella comunità internazionale, nella quale entrano da protagonisti i paesi ex colonizzati dell’Asia, che precede la crisi peggiore del secolo, nel 2020, quando la triplice congiunzione di Giove-Saturno-Plutone sarà quadrata a Urano e semiquadrata a Nettuno, con l’affermazione della Cina come prima potenza economica del pianeta (e con quali conseguenze per la vecchia Europa?). Altre date importanti saranno il 2061, per finire con la svolta cruciale del 2080, quando la triplice congiunzione di Giove-Saturno-Urano in Acquario formerà una opposizione nel Nettuno.  Nuove tensioni mondiali, cambiamenti dell’equilibrio economico e politico del pianeta…La prospettiva non è proprio felice: secondo André Barbault non è escluso l’arrivo di “un nuovo dittatore, “convinto di fondare un impero universale, che poi deve scontrarsi con un “avversario non meno risoluto di lui. Da qui la visione di un incendio del Pianeta, di “un’enorme conflagrazione mondiale…”
      Ma non è il caso di disperare: per fortuna è imminente, o è già in corso, l’ingresso nell’età dell’Acquario, già da tempo indicata da vari autori del novecento come una nuova fase, nella quale i valori simboleggiati da questo segno d’aria, aperto alle novità sociali, ottimista, capace di recuperare i valori messi in discussione dal segno dei Pesci, contradditorio e confusionario, saranno finalmente realizzati. Questo mutamento avviene all’incirca ogni duemila anni, in concomitanza della precessione degli equinozi, l’èra dei Pesci sarebbe infatti iniziata nei primi anni della nostra èra, ma non c’è accordo tra i vari autori circa il periodo preciso in cui si manifesta.
      Questa nuova fase potrebbe iniziare dal 1990 al 2062, secondo Dane Rudhyar, mentre Paul Le Cour la indica prossima nel 2160.
La nuova fase dovrebbe compensare “l’ipertrofia delle risorse della mente e l’atrofia “delle virtù dell’anima, situazione visibilissima nel contrasto mostruoso tra le imprese “della scienza e la miseria del costumi”.
Un libro-messaggio, scritto nell’abituale raffinatissimo ed elaborato stile che Clara Negri ha mirabilmente tradotto con encomiabile quanto faticata efficacia.

Rosanna Zerili

 

André Barbault: I CICLI PLANETARI NELLA STORIA MONDIALE,                           

Prospettiva astrologica sul XXI secolo. Edizioni Librarie Federico Capone, Torino, 2010, € 20.00


Clicca per ingrandire