Il Portale planetario dell'8 ottobre 2014
Chiaraceleste


PRINCIPI DI ASTRONOMOLOGIA

8 OTTOBRE 2014 GIORNO DI PORTALE

 

Nei nostri cieli, alle 11:51 (ora italiana) dell'8 ottobre si verificherà un’eclissi di Luna in plenilunio. Questo portale di profonda trasformazione sarà molto denso e ricco di avvenimenti perché entreranno in gioco tutti i pianeti a collaborare su più fronti in questo grande gioco planetario. Apriamoci dunque alle loro influenze per beneficiare dell’ondata di cambiamento a nostra disposizione.

Osserviamo uno per volta gli aspetti più significativi.

 

Nel cerchio rosa del grafico vediamo la Luna congiunta a Urano e a Eris. Quest’ultima rappresenta il Femminile cosmico proveniente dal Grande Sole Centrale della nostra galassia che fa fluire questa energia sulla Luna che muterà la propria essenza per l’azione repentina di Urano a cui è congiunta. Infatti, la Luna che da sempre è il simbolo del Femminile, della sua instabilità, della sua metà parte non conosciuta, non visibile (poiché mostra solo una delle due facce) cambierà la sua natura instabile e incognita. La Luna, durante l’eclissi, verrà inondata dall’energia solare magnetica (Femminile) che assorbirà, inviandola di rimando alla Terra, cioè a noi, suoi abitanti.

 

Nel trigono di Fuoco (arancione) sono coinvolti Giove, Marte Urano e la Luna che, rinnovata dai raggi del Sole centrale, fa sì che sia lei stessa a “fecondare” il Maschile che si trasforma in questo modo: Marte da “guerrafondaio” diventerà “Guerriero di Luce”; Giove espanderà le coscienze, donerà la saggezza della magia bianca, il ritorno degli antichi rituali di connessione cosmica legati alla Madre Divina; Urano accelererà il tempo del cambiamento.

 

Nella forma geometrica ad aquilone possiamo osservare molti pianeti coinvolti e connessi in questo perfetto cambiamento: nel cerchio azzurro, il Sole e Venere sono la nuova COPPIA COSMICA, sono il Padre e la Madre, il Maschile e il Femminile, il Dio e la Dea che congiungendosi in cielo si congiungeranno anche in noi, si uniranno, si riappacificheranno e guarderanno avanti attraverso Rahu, il Nodo nord, risvegliando in tempi brevissimi (Urano) il Guerriero di Luce in noi (Marte), portando grandi cambiamenti (Urano) e allargando le nostre prospettive e i nostri raggi d’azione (Giove).

 

Il trigono di Mercurio a Nettuno ci indica che tutto questo proviene dall’Amore Divino incondizionato di Nettuno che, per mezzo di Mercurio, messaggero della Divinità che porta questo amore, discende in Venere (amore animico) e nella Luna (amore che impara a essere costante) per poi giungere sulla Terra (amore che sperimenta se stesso e si riconoscerà, prima o poi, come Divino).

 

Il ultimo, ma non di rilevanza, possiamo osservare l’IMPORTANTISSIMO trigono fra Saturno e Chirone, aspetto che rappresenta la Guarigione del lato oscuro dell’umanità, la fine dei “saturnali interiori”, grazie ai quali abbiamo nutrito per vite e vite l’attaccamento ai nostri schemi karmici.

 

Per riassumere questa interrelazione di importanti movimenti cosmici possiamo ricordare che il nostro sistema solare sta “guarendo” le sue parti ancora da illuminare, grazie all’ingresso delle energie magnetiche cristalline da parte del Grande Sole centrale dove il pianeta Eris rappresenta la sua “antenna ricetrasmittente”. Come un domino, questa energia investe tutti i pianeti ancora perfettibili in questa fase di cambiamento e di conseguenza influisce anche sulle parti perfettibili dell’essere umano, collegato al sistema solare secondo il principio divino “Come in alto, come in basso”. Quindi la Luna cosmica e la nostra Luna interiore impareranno a essere stabili, costanti, affidabili e a riconoscersi nell’Amore Divino, grazie a questa ondata di energia Femminile. Marte da conflittuale diventerà Guerriero di Luce, Giove espanderà le coscienze connettendoci alla Divina Fonte. Venere, in un certo senso, sostituirà la Luna per creare insieme al Sole la Coppia Sacra in una nuova forma di amore superiore, di amore stabile, di amore animico, incondizionato a cui l’essere Umano potrà tendere grazie al beneficio dei Portali. Chirone pulirà i sospesi, purificherà le memorie karmiche, guarirà la sofferenza dovuta agli schemi a cui ci siamo attaccati nelle notti buie delle nostre vite. Allora diventiamo consapevoli di questi doni che il cosmo continuamente ci rivolge, apriamo le mani a coppa e facciamo entrare in noi la linfa cristallina delle nuove energie planetarie affinché operino la guarigione. Lasciamo che il cielo si occupi di noi, arrendiamoci a lui.


Clicca per ingrandire