Il Portale dell'11.11.2014
Chiaraceleste


GOCCE DI ASTRONOMO-LOGIA

PORTALE 11.11   UN PONTE FRA LA DUALITA' E L'UNITA'

Nel portale di martedì prossimo, 11/11/2014, la Luna si trova in allineamento e in apertura verso la coppia Marte/Plutone. A significare che la nostra interiorità (la Luna), nell’elemento Acqua (Cancro), riceve nuovi semi di risveglio profondo da Plutone per trasformarsi con l’energia di Marte. Inoltre la Luna è in aspetto armonico con la coppia Sole/Venere dalla quale riceve stabilità, unione e amore.

L’11.11 è il ponte fra la dualità e l’unità. E’ la via attraverso la quale possiamo incrementare la nostra consapevole connessione interiore, creando un canale diretto con la sorgente per la Manifestazione e la Realizzazione.

Attivando il Portale, spazio e tempo vengono annullati e la memoria cellulare (Luna) accede alle memorie karmiche (Saturno), inconsce e subconsce, mettendo in movimento un processo di guarigione (Chirone) che utilizza le nuove onde di Luce Cosmica provenienti dal Grande Sole Centrale (che sta inondando di Luce il nostro Sole) per stimolare l’evoluzione della nostra coscienza e prepararci al grande cambiamento in atto.

Si tratta quindi di stimolare nella nostra interiorità questo processo di ricongiungimento con le parti di noi ancora duali e, per rendere maggiormente dinamico il portale di martedì prossimo, possiamo utilizzare il SUONO, come frequenza di attivazione, e la MEDITAZIONE come amplificatore della nostra capacità ricettiva. Possiamo ascoltare i suoni puri delle campane di cristallo che emettono una vibrazione sonora molto simile a quella dei pianeti. Se non avete la possibilità di ascoltarli dal vivo ci sono degli audio-video su youtube altrettanto efficaci.

 Se i residenti in Torino e provincia fossero interessati a partecipare con noi all’attivazione di questo portale, martedì 11.11 ci sarà una serata di campane di cristallo, la Crystal Voice Sound. Per ricevere info su questa serata potete scrivere privatamente a Chiaraceleste edizioni.


Clicca per ingrandire